A volte mi dicono di essere daltonica..

engThey sometimes tell me I’m color-blind

Did you ever wonder why Facebook uses blue as its distinctive color? Or why coral snakes have bright red stripes?
Color itself is a primitive communication device, instinctive -unlike more evolved ways of communication, like speech- as it falls within a cathegory of stimuli we react to in a seemingly irrational way.
When it comes to selecting the color and shape for a new product, thorough studies are conducted to ensure the most suitable combination. This is nothing new. Studying and correctly implementing colors is crucial in all fields of design and selecting just the right ones for the purpose, whether you are graphic designers, architects – creative professionals, at any rate – is the basis of any succesful project.
The color of a room can influence your mood, a billboard can captivate your attention or fail to do so, you’ll be more or less keen to interact with a certain object, you can choose to express yourself through the colors of your clothes and kids select their color crayons depending on how they feel when they use them (either deliberately or subconciously).

One of the most interesting courses I took during my Master in Interior Design was taught by Francesca Valan, our Colours Materials and Finishes tacher. Her lectures taught us the implications of colors and shapes, their use throughout the decades and the definition of new color palettes and materials for a broad range of new industrial design and architecture projects. In the last few years, CMF design has been growing consistently in several fields. Interior Design was deeply influenced, as color is implemented in projects with a strong emotional identity, requiring the intervetion of a new kind of professional: the  Colour Designer.

During the development of my project, I had to take this issue into consideration: knowing how children would react to color and shapes was an essential part of my design process. I’d like to summarize just a few things I’ve learned during the master with Valan.

Human perception development can be roughly divided in three phases:
colori valan 1Phase 1, from 0 to 3 years old – the child mainly focuses on shapes. In this phase, structural features of objects are more important than color. Only simple shapes which have become familiar to the child -through constant exposure, for example- and no longer offer themselves for ‘shape learning’ purposes can be studied for color.
Phase 2, from 3 to 5 years old – the child’s focus has shifted to color. In this phase, the child has grown accustomed to the world of shapes and now shifts his/her focus on color. Color becomes an essential discerning factor, while the importance of shape fades somewhat. Identical shapes featuring different colors are perceived as different, while different shapes featuring the same color are perceived as equal.
Phase 3, after 5 years old– Shape regains its initial importance over color, a transformation related with the beginning of the first school years. Less vivid colors make shape understanding easier, as well as learning to read and write.

In the following years, the preference given to certain color palettes is determined by other factors, such as cultural influence and trends, not to mention the personal taste every child has for a given color, or set of colors.

One of the most important aspects of color is its relation with the object it is applied to. Colori_iconiciSome colors earn their name from the inextricable connection to their corresponding object (think about honey, chocolate, strawberry or banana). These colors are commonly defined ‘iconic’: color is directly connected to a given item and becomes its distinctive feature. Depriving one of such objects of its color renders it virtually unrecognizable. A distinctive color becomes the icon of a specific object and vice-versa. Iconic colors are divided in three cathegories, depending on what kind of link exists between color and object:
Historical: these are colors which became iconic over time, such as red for Coca Cola, Ferraris and several sports teams

Material: these colors are related to specific features of a given materials, such as chocolate or straw. An object losing, for whatever reason, the color it is conventionally associated with becomes surreal, or abstract i.e. blue chocolate.
Functional: colors are bound to specific objects for practical reasons. Fire extinguishers are red in order to make them readily recognizable, beer bottles are golden brown and wine bottles are green in order to protect their contents from specific wave lenght light radiations.
In representing reality, colors can be used in an imitative or evocative fashion .
Imitative: these iconic colors reproduce the colors found in real life in a rather realistic way. They are generally used by painters trying to achieve realism in their painting. Knowing that pigs are not bright pink, but rather of a pinkish brown jue can compromise the bright appearance of smaller childrens’ drawings; but it’s also an information which older children can use to better understand the world that surrounds them
Evocative: our mind resorts to these color to offer us a simplified version of reality; a tiger appears to us as a black and orange beast, but -in reality- its fur feature far more varied and subtle nuances. Children use red to color the tiled roof of a house, but every single tile has a color of its own, each a variation of an orange-ish color. Children use evocative colors in their drawings. Bright pink to represent caucasian skin tones is evocative, not realistic, a choice coherent with their level of understanding in color use.

sintesi-sottrattivasintesi-additiva copyThe teoria sul colore was born long ago, giving each color a specific symbolical meaning. Scientists and painter have proven -after years of experiments- that three basic colours are the foundation for all colors existing in reality; these three colors are called “absolute“, that is fundamentally pure, as they can not be obtained mixing other colors. Thes are the so called primary colors.
To scientists, red, green and blue are primary colors; to painters, cyan (sky blue), magenta (light purple) and yellow are primary colors.  Mixing the ‘scientist primary colors’ you get white. On the other hand, mixing ‘artist primary color’ you get something close to black.

Yellow conveys joy and well being to adults and children alike, and is suitable for welcome spaces and areas. Mixing yellow and red in variable proportions results in a variety of orange tints, lively colors suitable for transit areas and as a way to mark specific spots of interest within a space. Yellow is one of the three primary colors, mixing it with the other two primaries allows you to obtain virtually every color in the color wheel. Mixed with purple, its complementary color, yellow loses its intensity and saturation, decading to grey. Yellow is perceived as such because the corresponding pigment has the ability to reflect the yellow portion of the light spectrum, while absorbing the remaining wavelenghts.

Orange is a secondary color. It is lively, festive and bright, but also strong and e self Ruotaimposing, Ruotalike blue. It is obtained by mixing magenta with yellow. It has always been considered a second-rate color, both culturally and emotionally. It possesses no particular symbolic or religious meanings and, until the introduction of oranges in our diet(X o XI Century B.C.) from which it got its name, no european language had a name to define it.
Magenta is a primary color, but the more commonplace red is a mix of magenta and a small, variable quantity of yelllow. Red features the maximum wavelength of all colors and it’s the most strongly perceived by children. It’s the warmest of colors and the closest to the infrared radiation, it’s also capable to produce a sensation of warmth. No matter how fast moving, it’s able to captivate one’s attention, it’s the most emotionally influencing color in existance. It is commonly related to passion, strenght, warmth. But also to blood, rage, violence, struggle and rebellionPer associazioni positive è collegato alla passione, alla forza, al calore.

Blues and greens favor thinking and concentration, and are more suitable for spaces for studying or resting. Mixing various hues of sky blue and sea blue, several variations of blue are born, which are used in hygiene-related spaces. Cold colors are best employed in combination with warm lighting, whether natural or artificial.

Blue and, specifically, cyan, is a primary color. Beautiful hues of blue can be obtained by mixing it with its complementary color: orange. In nature, blue is almost invariably a compound color; the sea, sky, blue eyes and feathers are the resulf of a selective reflection of short wave length radiation. Blue is a rare pigment, found mainly in minerals. It is a more relaxing color than red, because it can be focused on with no additional stress for the optic nerve.

Are black and white considered colors or not? For the scientist studying physics, they are not, as white is considered as the mere combination of all colors, whereas black is the result of their complete absence. Artists, on the other hand, view them as colors -although anomalous- and call them acromatic, as in ‘deprived of all color’: more specifically, white is considered primary, as it cannot be obtained by mixing it with other colors, black is a secondary color, because it can be obtained by adding other color to the mix.

White is the color of lightness and we usually respond well to it. It symbolizes innocence and purity, birth and, therefore, a new beginning. Black, the absence of light, is the color of caos, of primeval distruction, of catastrophe. It’s the color of intransigence, intolerance, of death and decay. As an antagonist color, it express aggression, protest, opposition. As a color representing refusal, it symbolizes unrest against deprivation and constraint. Black is the color of mourning, but only in contemporary western culture, ancient german civilizations had adopted red, african tribes and japan view white as the color of death, as it recalls the pallor of a body in death and the color of the shroud a body is wrapped in prior to its burial. In Turkey, mourning is commonly associated with the color blue.

What about you? What color do you prefer? What color are the places you prefer?

it


Vi siete mai chiesti perchè Facebook utilizzi il blu come colore principale? O perchè il serpente corallo sia striato rosso?
Il colore costituisce un linguaggio comunicativo non consapevole, istintivo, diversamente dalla parola, poiché è parte di quella sfera di stimoli ai quali reagiamo senza sapere il perché.
La scelta dei colori, e delle forme, denota uno studio complesso del target nella progettazione. Nulla di nuovo. Ormai lo studio dei colori è importante in tutti i campi e scegliere quelli giusti a seconda della finalità, che siate grafici o designer – insomma creativi – risulta essere alla base della progettazione.
Il colore di una stanza può modificare il vostro umore, l’insegna può attrarre o meno la vostra attenzione, sarete più o meno invogliati nell’usare un determinato oggetto, potete esprimere il vostro stato d’animo dal colore dei vostri vestiti, e i bambini, quando colorano, involontariamente vi suggeriscono come si sentono.

Durante il master di Interior Design una delle lezioni che seguivo con maggior interesse erano quelle tenute da Francesca Valan, insegnate di Colours Materials and Finishes. Le lezioni coprivano tutti gli aspetti del colore e dei nuovi materiali, lo studio delle tendenze negli anni e la definizione di nuovi sistemi a colori per una vasta gamma di prodotti e arredi per progetti architettonici. Negli ultimi anni CMF design ha subito un forte sviluppo in diversi settori. Nel campo del design d’interni questo ha segnato un nuovo approccio caratterizzato da progetti basati su una forte identità emotiva, concentrandosi sulla gestione dei linguaggi cromatici e la loro applicazione al progetto, tanto da definire la figura del Colour Designer.

Nello specifico del mio progetto è importante sapere come i bambini percepiscono spazio e colori, e vi riporto in breve quello che ho imparato al master con la Valan.
colori valan 1Semplificando, lo sviluppo percettivo può essere scandito in tre fasi:
1° fase, da 0 a 3 anni – l’attenzione del bambino è posta sulla forma. In questa fase gli elementi strutturali della forma sono più importanti del colore. Solo quando le forme sono molto semplici, già conosciute e quindi non più informative (come ad esempio un cerchio) viene privilegiata la lettura del colore a quella della forma.
2° fase, da 3 a 5 anni – l’attenzione del bambino è posta sul colore. In questa fase il bambino conosce già il mondo delle forme e quindi l’attenzione si sposta sul colore. Nelle sue scelte il colore diventa l’elemento
più importante, mentre la forma assume un ruolo secondario. Forme uguali ma di diverso colore vengono percepite come diverse, viceversa forme diverse ma dello stesso colore vengono percepite come uguali.
3° fase dopo i 5 anni – la forma torna ad essere predominante sul colore. Dopo i cinque anni, in coincidenza con l’inizio della scuola, e con la necessità di distinguere diversi caratteri per imparare a leggere e
a scrivere, gli aspetti metrici della forma tornano ad avere la priorità sul colore. Colori con un basso impatto visivo facilitano la lettura delle forme e l’apprendimento della lettura e della scrittura. Dall’età scolare in poi le scelte cromatiche sono determinate da altri fattori, quali ad esempio le influenze culturali e le tendenze del gusto; e anche dal rapporto personale che ogni individuo ha con il colore.

Uno degli aspetti più importanti della percezione del colore è la relazione fra il colore eColori_iconici l’oggetto al quale è associato. Ci sono dei colori così inseparabili dal loro oggetto che sono identificati con l’oggetto stesso, color miele, color cioccolato, rosso fragola, giallo banana. Questi colori sono chiamati ‘iconici’. In questi casi l’oggetto ha una precisa relazione con il suo colore, il colore diventa un elemento identificativo
senza il quale l’oggetto perde riconoscibilità. Il colore diventa un’icona dell’oggetto, e l’oggetto l’icona del colore. I colori iconici possono essere suddivisi in tre categorie in base alla motivazione che rende inseparabile l’oggetto dal suo colore.
Storici: sono i colori che sono diventati iconici con il tempo, come il colore della nostra bandiera, della CocaCola, della Ferrari, delle squadre sportive.
Materici: sono i colori legati alla natura del materiale, come il colore della cioccolata o della paglia. Quando un oggetto perde il suo colore iconico materico diventa astratto, irreale. Astratta è la cioccolata azzurra.
Funzionali: sono colori legati al loro oggetto da una precisa funzione. Gli estintori sono rossi perché è il colore più visibile, le bottiglie di birra sono marroni e quelle del vino verdi per proteggere il contenuto da certe lunghezze d’onda della luce…
Nella rappresentazione della realtà i colori iconici possono essere utilizzati in modo imitativo ed evocativo .
Imitativi: sono i colori iconici riprodotti con un certo grado di fedeltà rispetto al colore reale. In genere sono i colori utilizzati dai pittori realisti, che cercano la veridicità della rappresentazione. Sapere che il colore del maiale non è rosa, bensì un marrone rosato, può compromettere la freschezza dei disegni degli alunni più piccoli; ma è un informazione che può servire ad un alunno più grande per prendere consapevolmente
le sue distanze dal reale.
Evocativi: sono i colori con i quali la nostra mente semplifica la realtà; una tigre nell’immaginario collettivo è gialla e nera, ma i colori reali del manto della tigre sono più complessi e variegati. I bambini colorano i tetti di rosso, ma in realtà le tegole sono color mattone. I bambini utilizzano i colori evocativi, ideali, nei loro disegni. Il rosa della pelle che utilizzano è un rosa ideale, non reale. E in questo vi è una precisa coerenza con il livello semplificato della loro rappresentazione.

sintesi-sottrattivasintesi-additiva copyLa teoria sul colore nasce comunque in tempi molto remoti e ogni colore ha il suo significato e la sua importanza. Sia gli scienziati che i pittori hanno dimostrato, dopo anni di studi e di esperienza, che sono solo tre i colori di base dai quali si ottengono, mescolandoli, tutti gli altri; questi tre colori, considerati “assoluti“, cioè fondamentali e puri, perché non si possono ottenere con nessuna mescolanza, sono detti colori primari.
Per lo scienziato i colori primari sono il rosso, il blu e il verde; per il pittore sono il rosso (il rosso-magenta), il blu (il blu-ciano) e il giallo.  Mescolando i tre colori primari degli scienziati si ottiene il bianco. Mescolando i tre colori primari dei pittori si ottiene un colore scuro, praticamente il nero.

I gialli comunicano gioia e felicità sia ai bambini sia agli adulti, sono quindi i colori più adatti per gli ingressi e i luoghi dell’accoglienza. Con giallo Sole mescolato al rosso Cuore si ottengono una serie di arancioni, colori estroversi consigliati per zone di passaggio e in generale come accenti per luoghi. Il giallo è uno dei tre colori primari, mescolato con quantità diverse degli altri due primari, il rosso magenta e il blu ciano, dà origine a tutte le tinte del cerchio cromatico. Mescolato con il viola, che è il suo complementare, il giallo perde luminosità, si desatura fino a diventare grigio. Il giallo è giallo perché il pigmento ha la proprietà di riemettere la luce gialla e di assorbire gli altri colori della luce.
L’arancione è un colore secondario, gioviale, vivace, estroverso, amichevole, ma anche chiassoso e intrusivo , Ruotacome il blu. Si ottiene dal magenta e dal giallo. È sempre stato considerato un colore di seconda categoria dal punto di vista culturale ed emozionale. Non ha forti significati simbolici o religiosi, e, fino all’introduzione dell’arancia (X o XI secolo), da cui ha preso il nome, non esisteva in nessuna lingua europea un termine per definirlo.
Il rosso magenta è un colore primario, ma il rosso comunemente utilizzato è ottenuto aggiungendo una certa quantità di giallo al magenta. Il rosso ha la massima lunghezza d’onda tra i colori e si ritiene che sia il primo colore percepito dai bambini. È il più caldo dei colori, ed è anche il più vicino come lunghezza d’onda all’infrarosso, che produce effettivamente una sensazione di calore. È il colore che può muoversi più velocemente, mantenendo sempre legato a sé lo sguardo, ed ha il massimo impatto emotivo.Per associazioni positive è collegato alla passione, alla forza, al calore. Con valenze negative il rosso è anche il colore del sangue, dell’aggressività e della rabbia, della lotta e della ribellione.

I blu e i verdi sono colori che favoriscono la riflessione e l’introversione, e quindi sono indicati per spazi delegati al silenzio e al riposo. Dalla mescolanza di Mare e Cielo si ottengono una serie di azzurri che evocano l’acqua e sono suggeriti per gli spazi dell’igiene. I colori freddi sono adatti per ambienti che ricevono luce calda.
Il blu, e precisamente il blu ciano, è un colore primario. Bellissime tonalità di blu si ottengono mescolandolo con il suo colore complementare: l’arancione. In natura il blu è quasi sempre un colore strutturale; il mare, il cielo, gli occhi azzurri, le piume sono tutti colori originati da una riflessione selettiva di lunghezze d’onda corte. Come pigmento il blu è raro. I soli minerali blu. Ed è effettivamente rilassante per la vista perché a differenza del rosso, viene focalizzato senza bisogno di adattamento.

Ma il nero e il bianco sono considerati colori oppure no? Per lo scienziato che studia la fisica no, perché considera il bianco solo come somma di tutti i colori, mentre il nero ne è l’assenza totale. Al contrario, per un artista sono due colori, per quanto anomali, definiti acromatici, cioè privi di colore: per la precisione, il bianco è considerato primario, perché non si ottiene mescolando altri colori, e il nero secondario, perché si ottiene mescolando altri colori.
Il bianco è il colore della chiarezza. Di solito rispondiamo positivamente al colore bianco. Simboleggia la chiarezza, l’innocenza e la purezza, la nascita e perciò un nuovo inizio.
Il nero è l’assenza della luce è il colore del caos, del primitivo della distruzione, della catastrofe. E’ il colore dell’intransigenza, dell’intolleranza, della sventura della morte (lutto/ depressione). Nella preferenza si sente il bisogno di esprimere protesta, opposizione, aggressività; nel rifiuto c’è l’insofferenza per qualsiasi rinuncia per tutto ciò che costringe. Il nero diventa simbolo di lutto anche se è solo nei paesi occidentali, in antiche civiltà germaniche il lutto era rosso, in alcune nazioni africane il lutto e la morte sono invece rappresentate dal bianco che richiama il pallore della morte ed è il colore del tessuto con cui vengono avvolti i cadaveri, mentre in turchia il lutto ha il colore blu.

E voi? Di che colore siete? Le vostre stanze preferite che tonalità hanno?

All rights reserved Gabriella Orefice 2015

logo bn-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...