Game & Design: riflessioni iniziali per un nuovo prodotto

eng

INITIAL THOUGHTS FOR A NEW PRODUCT

When three years ago I first started to venture in the world of developmental psychology -even though my actual work was only remoted related to the subject- I began to understand the importance for a professional to be -if not an expert- at least informed on the vastest amount of fields possible and be fully aware of the world surrounds us, as any additional piece of knowledge we gather on the way makes us better people and better professionals.giochi-di-bimbi

Toys and games were not always considered with the right importance in the development process of a child. It’s been fifty-ish years since games really began to be viewed as the children’s way to express themselves, as a tool the children use to understand themselves and the world around them and to creatively reinvent the information and stimuli the environment provides them with. Games are essential in 174488272the consolidation of self-awareness and in the development of personality and social skills.
When they play ‘pretend’, they are actually practicing for their grown-up lives to be: a single room holds the whole world, a box can become a car, a cape turns a child in a superhero and so forth. A happy, functional adult was -most likely- a child who was allowed to freely exprees him or herself.

In France, the most popular toys are, in fact, ‘adulthood simulators’: they rarely allow for creative use, as they are generally conceived to performed a limited set of actions.$_35They are designed armymen_vintage_adsto introduce children to adult life and teach them to accept the social roles they will take on as grown ups: pregnant dolls, doctor playsets, toy soldiers and so forth.
This vast array of ‘socially educational’
toys deprive children of their natural creative contribution and render them mere owners and users.
Toys like Lego and Meccano, on the other hand, are designed to teach children to imagine and build three dimensionally through the combination of simple modules. Meccano has been slightly less succesful than its counterpart, mainly due to the complexity of assembly and disassembly (as it requires children to fiddle with nuts and bolts), which somewhat hampers the quickness of creative thinking. This kind of toy is as succesful as it is simple to put together and take down. No need for elaborate, complex toys, but -rather- simple, well design playsets with a few basic modules and endless possible assembly combinations.

So, how can a toy be good for children? To begin with, creativity-e1352824581399it should teach them skills they’ll be able to use later on in life and turn them into creative adults. At the age of three, they start recognizing shapes and colors, the texture and consistency of things, the difference between soft, elastic and solid. The exact definition of these qualities are still unknown to them, but they have experienced it. A designer can then create a game which takes into consideration the knowledge a child already has of the world and which is also capable of teaching him or her new skills.

Toys should stimulate imagination, they should be open to possibilities and not limited to the few programmed actions they were designed to perform.

The ideal toy should not require an instruction booklet (a child will get it right before a grown up does more often than not).

Through playing, children express their emotions, their feelings, the way they relate to others and to themselves. Besides, toys are the best tools to teach children manual skills, creativity, analytic approach to problem solving, logic reasoning and abstract thinking. Parents are left with the crucial task of selecting the right toys for their sons and daughters. As toys have to satisfy the children’s need for creation, inspiration and social interaction, their creativity is greatly stimulated by toys that allow for maximum functional flexibility. More sophisticated yet more limited toys -which often appeal grown-ups more than children- might hamper a child’s imagination and limit creative thinking.

Bearing all these thoughts in mind, I started developing a toy which could be educational, creatively stimulating, fun and full of possible corbusierilities. History has taught us that the most innovative products can be built with the simplest forms and out of the most humble materials. For this reason, I selected a material no longer widely used in toy making such as wood to create something a bit more challenging than Froebel’s Gifts but less complex than Lego. The toy was meant to teach children basic construction skills, educating them about the use of proportion and golden ratio -I imagined giving them simplified examples to imitate with construction blocks- and the basic principles of modern architecture. Therefore, I began replicating famous building by Mies Van Der Rohe, Le Corbusier, Gropius and other architects whose buildings could lend themselves easily to be rendered with simple shapes.

gicoco costruzione binariOf course, slabs, blocks and pillars must be designed to allow for easy assembly. I had moved away from the Lego button-style assembly technology and initially opted for a system of machined grooves that would create as little constraint as possible while allowing for endless combinations. Unfortunately, the stark purity of the 07_-_Collapsible_Chairarchitectures I was trying to replicate was compromised by the grooves and ledges required for assembly. On top of that, I still needed to find a way to teach children about composition. A constructed object becomes so only after it has been represented on plans, elevations and cross-sections: a child obviously has no idea of what they are, but can certainly understand the concept of shadows as -slightly distorted- images of objects.

That’s when I decided to design a shadow-based construction set! Creatively stimulating, and an effective educational tool. Legos of Froebel’s Gifts could be used, the type of blo3d scatolacks was less important than the purpose it was supposed to serve. ‘Shadow elevations’ could be created and set up in the correct position, inviting children to recreate a the three-dimensional object those elevations represented. The absence of a plan would have made things somewhat harder for the child, but -as it represented one less constraint to deal with- it also allowed children to express themselves more creatively.

I started developing a kit comprised of wooden blocks modeled according to 15x15mm grid and, although I had decided to ditch entirely the idea of Lego-like assembly, I decided to use this method just for the blocks sitting on the baseplate of the construction: they would act as the foundation.

After an intense T&E period and some tinkering, the kit has somewhat evolved.

Next week I’ll update you on its current status, while the complete prototype will be due by June.

it


Quando tre anni fa ho cominciato ad addentrarmi nel mondo della psicologia infantile  -nonostante il mio lavoro fosse incentrato su tutt’altre questioni- ho cominciato a capire quanto sia importante che ognuno di noi conosca più argomenti possibili, quanto più possibile di ciò che ci circonda, perchè ogni minimo studio e ogni minima conoscenza al di fuori del proprio campo di azione, porta al proprio mondo qualità, maturità ed esperienza.

Il gioco ed il giocattolo non sono sempre stati riconosciuti giochi-di-bimbiimportanti nel processo di sviluppo infantile. Solo negli ultimi 50 anni l’attività ludica è stata considerata forma di espressione del bambino, lo strumento attraverso il quale si rapporta a se stesso, esplora il mondo circostante, ha la possibilità di ricombinare in maniera personale e creativa le informazioni, le indicazioni, i segnali che gli vengono dall’ambiente. Il gioco aiuta ad acquisire consapevolezza di sé, a elaborare insomma un’identità sociale e personale. Quando si gioca a “fare finta 174488272di…” è come se si allenassero a diventare grandi: in una stanza è racchiuso il mondo intero, una scatola può trasformarsi in un automobile, un mantello fa di un bambino un super eroe, ecc. Un adulto sereno ed equilibrato è stato, da piccolo, un bambino che ha potuto esprimersi liberamente…

$_35armymen_vintage_adsIn Francia i giocattoli piu diffusi sono essenzialmente un microcosmo adulto. Le forme inventate e dinamiche sono rarissime, per il resto “significano sempre qualcosa” prefigurando letteralmente l’universo delle funzioni adulte per preparare il bambino ad accettarle: bambole con la pancia, astucci da medico, soldatini da guerra… Ma davanti a questo universo di oggetti fedeli e complicati il bambino può solo costituirsi esclusivamente in funzione di proprietario, utente, mai di creatore. Altri giochi possono essere progettati per far conoscere ai bambini le possibilità combinatorie a tre dimensioni come i Lego e Meccano. Quest’ ultimo aveva la noia di dover lavorare molto per disfare l’oggetto per via di viti, bulloni.. Il gioco deve essere più agile e non ci dovrebbe essere niente da smontare. Quindi non sono necessari giocattoli costosi o elaborati bastano oggetti semplici che stuzzichino la naturale fantasia del bambino.

Che cosa può essere utile? Qualcosa che gli dia delle informazione che gli potranno servire quando sarò adulto perchè ciò che memorizza gli resterà per tutta la vita. E’ così che possiamo aiutare a formare individui creativi e non ripetitivi. A 3 anni incominciano a conoscere le forme, i colori, attraverso il tatto impara a distinguere le cose morbide e dure, elastiche e rigide. Non sa ancora i nomi di queste qualità ma già le ha vissute. Un designer può quindi progettare un gioco che comunichi al bambino il massimo compatibile di informazioni e nello stesso tempo uno strumento per la formazione di una mente elastica e dinamica. I giochi devono essere stimolatori creativity-e1352824581399dell’immaginazione, non devono essere conclusi, finiti, perché così non permettono partecipazione. Il giocattolo ideale deve poter essere capito dal bambino senza alcuna spiegazione (a volte sono gli adulti a non capirne l’utilizzo). Attraverso il gioco il bambino esprime le proprie emozioni, i propri stati d’animo, il proprio modo di vivere il rapporto con se stesso e con gli altri. D’altra parte il gioco costituisce il mezzo più immediato e naturale per sviluppare la manualità, la fantasia, la capacità di analisi e quindi l’apprendimento, il pensiero logico ed il ragionamento astratto. Perciò chi sta accanto al bambino deve selezionare con cura il materiale da offrirgli. I giocattoli devono essere per il bambino il mezzo per soddisfare l’esigenza di creare, di conoscere, di imitare, di imparare a stare con gli altri. L’esigenza creativa del bambino è perciò stimolata moltissimo dalle costruzioni o anche da oggetti qualunque che offrono infinite possibilità di interpretazione e di uso, mentre bisogna fare attenzione ai giocattoli sofisticati che bloccano l’iniziativa e impoveriscono la fantasia, i quali spesso soddisfano i desideri dei genitori o adulti e non quelli dei bambini.

E’ tenendo conto di tutti questi fattori che ho cominciato a sviluppare e a pensare ad un gioco che potesse essere stimolante, educativo, e allo stesso tempo divertente e pieno di possibilità creative. La storia insegna che le forme più semplici, e i materiali più comuni possono essere una risposta invece innovativa. le corbusier Quindi la volontà era quella di riproporre un materiale ormai non più utilizzato per i giochi, quale il legno, e ridare nuova vita ai giochi delle costruzioni che non fossero semplici come i Gift di Froebel o più complessi come i Lego. Non solo, la finalità del gioco doveva insegnare, educare i bambini, non solo alla  costruzione, all’equilibrio dei blocchi, ma anche alla comprensione di quel che stessero facendo considerando dei modelli finiti ed educandoli ad un architettura moderna, fino alla creazione di proprie forme e geometrie. Inizialmente quindi ho cominciato studiando semplici parallelepipedi cercando di riprodurre architetture tipo, guardando ai grandi maestri come Mies Van Der Rohe, Le Corbusier, Gropius, coloro che con semplici piani avevano creato meravigliose costruzioni.

gicoco costruzione binariMa parlare di piani, pilastri, parallelepipedi, significa parlare anche di equilibrio tra le parti che in una composizione risulta molto importante. Ecco che lo studio si è rivolto alle possibilità di incastro che dessero la libertà di aggregazione tra i vari pezzi e, allontanandosi dai “bottoni” Lego, si era pensato ad un sistema costituito da binari che nello stesso tempo desse uno schema fisso per la costruzione ma possibilmente libero per la tipologia da creare. Purtroppo la purezza della forma in questo modo veniva totalmente stravolta dai piani incisi e dalle parti in rilievo utili per l’incastro. Durante tutta l’analisi oltrtutto bisognava trovare un modo per educare il bambino alla composizione. Una costruzione solitamente viene definita da piante, prospetti e sezioni ma il bambino ancora non sa cosa siano. 07_-_Collapsible_ChairIncredibimente invece, dai contorni può certo dedurre che un’ombra sul pavimento di casa riproduca, sebben distorta, l’immagine di una sedia.

3d scatolaEd ecco che quindi il gioco del costruire secondo delle ombre! Può risultare stimolante alla fantasia e aello stesso tempo utile per l’insegnamento anno dopo anno. Potevano essere utilizzati i LEGO o i Gift di Froebel, l’importanza non era l’oggetto in sè, ma la finalità a cui si voleva giungere. Creando dunque dei modelli di “prospetti-ombre”, da posizionare in verticale accanto i blocchi sfusi, si voleva indurre il bambino a cercare di disporre i blocchetti in modo da ricreare l’ombra disegnata di fianco. Eliminando la pianta, mantenendo solo i prospetti, risultava più complicato ma il bambino produceva un eventuale sforzo per essere più creativo avendo più libertà di aggregazione: ad uno stesso prospetto possono corrispondere tante piante e in questo modo il gioco può essere sempre nuovo. L’idea era di avere diversi parlallelepipedi che seguivano un modulo, un’unità, partendo da 15 mm. Ciò creava dei piani abbastanza sottili quindi un incastro, almeno alla base (quasi come fosse una fondazione), era necessario.

Il gioco nel tempo ha subito variazioni grazie a nuove riflessioni e aggiornamenti. La prossima settiama vedrete lo stato attuale e entro giugno il suo stadio finale.

All rights reserved Gabriella Orefice 2015

logo bn-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...